Get a site

Geo-storia amministrativa d'Abruzzo
Ortona (e Crecchio)

Ortona1 (340K) Ortona1 (340K)

ORTONA (A MARE)

Città, erede dell'omonimo municipio romano. Restò a lungo la capitale dell'Abruzzo bizantino, ultime vestigia della provincia romana del Sannio e fu conquistata dai longobardi solo nella seconda metà del VII sec. Unica civitas menzionata con Chieti nell'802, anno della conquista franca. Per pochi mesi nel 1646, sede dell'Udienza di Abruzzo Citra (in seguito alla vendita della città di Chieti, revocata nell’anno successivo, al duca di Castel di Sangro). Nello spirituale, fu sede antica di diocesi, soppressa nel VII sec. in circostanze non chiare. Passò sotto la giurisdizione di Ravenna e non prima del XIV sec. a Chieti, per riottenere la sede vescovile nel 1570.Toponimo.

Il territorio originario, meno esteso dell'attuale, è grosso modo delimitato dal T. Riccio a N, dalla strada Chieti-Lanciano ad O, dalla strada Ortona-Lanciano e dal F. Moro a S. Le porzioni a S del Moro (c.de Bardella, Ripari ecc.) sembrano appartenere a Ortona nel civile da tempo (probabilmente dall'epoca angioina, quando S. Angelo in Grotte fu spartito tra Ortona e S. Vito), quantunque vadano con la parrocchia di S. Vito. Nell'Onciario del 1751 Ortona possiede le ville di Caldari, Rogatti, S. Agata e Torre, che costituiscono l'ex-feudo e parrocchia di Caldari, S. Leonardo, Villa Grande, Villa Deo e Fonte Liberti (od. Jurisci), Bravari (od. S. Nicola), S. Tommaso, nonché il cosiddetto Feudo, erede di Pizzocorvaro e Mucchia (Università di Ortona).

Civile
  • -1807: Città, Università di Ortona (a Mare).
  • 1807-1811: Governo di Ortona.
    • Incorpora definitivamente il Feudo.
    • Nel 1811 Caldari si separa.
  • 1811-oggi: Comune di Ortona, o Ortona a Mare.
    • Nel 1839 incorpora Caldari.

  • Provincia: Chieti (-oggi).
  • Distretto/Circondario: Chieti (1807-1811), Lanciano (1811-1927).
  • Circondario/Mandamento: Ortona (1811-1927).
  • Feudo: Regio (-15xx) disp. con Caldora, Farnese (15xx-1766), Borbone (1766-1806).

Ecclesiastico
  • Diocesi: Ravenna (-XIV sec.), Chieti (XIV sec.-1570), Ortona (1570-1600), Ortona e Campli (1600-1818), Lanciano (1818-1834), Lanciano (e Ortona) (1834-1945), Lanciano e Ortona (1945-1986), Lanciano-Ortona (1986-oggi).
  • Parrocchia: S. Maria d. Ang. (-1258), S. Tommaso (1258-oggi).
  • Filiali: S. Zeffirino in Caldari (ca. 1580-oggi); S. Maria di Costantinopoli (1884-oggi); S. Leonardo in Villa S. Leonardo (1935-oggi); S. Antonio in Villagrande (1952-oggi); SS. Cuore in Villa S. Nicola (1952-oggi); S. Giuseppe (1957-oggi); S. Maria Immacolata in C.da Foro (1961-oggi); S. Maria delle Grazie in Q. Terranova (1965-oggi); Cristo Re in C.da Riccio (1965-oggi); S. Gabriele in R. Fontegrande (1996-oggi).

Caldari

Villa pre-napoleonica e per breve tempo comune, corrispondente all'attuale frazione con questo nome. Sorto intorno alla chiesa di S. Maria, in loc. Caldari Vecchio. La chiesa, possesso farfense, è attestata nel IX sec., il castello nel XI sec. Feudo dell'abbazia di S. Giovanni in Venere, poi incorporato a Ortona dopo che il Capitolo di S. Tommaso lo prende dall'abbazia in enfiteusi perpetua (1447) e che Ferdinando il Cattolico lo muta in allodiale (1507). Ripopolato da Schiavoni nella seconda metà del XV sec. Toponimo.

Accatastato nell'Onciario di Ortona del 1751, dove comprende le ville di Rogatti, S. Agata (oggi Iubatti) e Torre. Nello spirituale, cede Villa Torre a S. Leonardo nel 1986.

Civile
  • -XI sec.: Loc. in Ortona (-VII sec.), Chieti Maggiore (VII-XI sec.).
  • XI sec.-XIV sec.: Castello, Università di S. Maria in Caldaria, poi Caldari.
  • XIV sec.-1507: Feudo di Caldari, associato a Ortona (1447-).
  • 1507-1811: Villa di Ortona.
  • 1811-1839: Comune di Caldari.
  • 1839-oggi: Riun./fraz. di Ortona.
  • Provincia: Chieti (-oggi).
  • Distretto: Chieti (1807-1811), Lanciano (1811-1839)
  • Circondario: Ortona (1811-1839).
  • Feudo: Farfense (829-), comitale, S. Giovanni in Venere (1041-1447), Capitolo di S. Tommaso di Ortona (1447-1507, in enfiteusi perpetua).

Ecclesiastico
  • Diocesi: nullius di S. Giovanni in Venere (-XV sec.), Chieti (XV sec.-1570), Ortona (1570-1818), Lanciano (1818-oggi).
  • Parrocchia: S. Maria (-XIV sec.), disab., S. Zeffirino (ca. 1580-oggi).

Mucchia

Castello medievale sito in loc. Torre Mucchia. Attestato nel XI sec. già incastellato (donazione del conte di Chieti a Montecassino) e noto in quel periodo anche come Mucchia S. Quirici. Assente nel Catalogus Baronum perché feudo ecclesiastico. Disabitato nel XV sec., segue la stessa successione feudale di Pizzocorvaro diventando in ultima analisi il "Feudo" di Ortona. Toponimo.

Il suo territorio è compreso tra i torrenti Riccio e Arielli, e comprende la loc. Piana Grande (loc. Passolanciano di Riccio), citata nel sec. XVI tra i feudi di Riccardi. In origine si trattava di un insediamento sparso, con almeno quattro chiese oltre la pievana tra cui S. Biagio.

Civile
  • -XI sec.: Loc. in Ortona (-VII sec.), Chieti Maggiore (VII-XI sec.).
  • XI-XIV sec.: Castello, Università di Mucchia.
  • XIV sec.-1807: Feudo di Mucchia, associato a Ortona (XVI sec.-1806).
  • 1807-oggi: Loc. di Ortona.
  • Provincia: Chieti (-oggi).
  • Feudo: Montecassino (XI sec.), Vescovo di Chieti (1115-1461), Univ. di Chieti (1461-), Riccardi (-15xx), Univ. di Ortona (15xx-1806).

Ecclesiastico
  • Diocesi: Chieti (-1570), Ortona (1570-1818), Lanciano (1818-oggi).
  • Parrocchia: S. Maria (-XIV sec.).

Pizzocorvaro

Castello medievale sito in loc. Corvone, nei pressi della foce del Foro. Attestato come corte o toponimo già nel IX sec., poi come castello nel XI sec. E' pure sede di antica pieve. Disabitato nel XV sec., segue la stessa successione feudale di Mucchia diventando in ultima analisi il "Feudo" di Ortona. Toponimo.

Territorio compreso tra Foro ad Arielli. In origine insediamento sparso con almeno una chiesa rurale, S. Maria di Nazaret (loc. Lazzaretto).

Civile
  • -XI sec.: Loc. in Ortona (-VII sec.), Chieti Maggiore (VII-XI sec.).
  • XI sec.-XIV sec.: Castello, Università di Pizzocorvaro.
  • XIV sec.-1807: Feudo di Pizzocorvaro, associato a Ortona (XVI sec.-1806).
  • 1807-oggi: Loc. di Ortona.
  • Provincia: Chieti (-oggi).
  • Feudo: comitale (-1067), vescovile (1067-), Univ. di Chieti (1461-), Riccardi (-15xx), Univ. di Ortona (15xx-1806).

Ecclesiastico
  • Diocesi: Chieti (-1570), Ortona (1570-1818), Lanciano (1818-oggi).
  • Parrocchia: S. Giovanni (-XIV sec.).

CRECCHIO

Terra pre-napoleonica e comune contemporaneo, corrispondente all'attuale centro con questo nome. Centro pievano, di cui non si conoscono né il periodo né le modalità d'incastellamento. Non è citato nel Catalogus Baronum, forse perché feudo ecclesiastico (vescovo di Chieti). Secondo recenti interpretazioni di un'iscrizione italica rinvenuta a Crecchio, vi sarebbe menzionato il nome ok[ri]kam, il che attesterebbe un'origine antica, italica, per questo paese. Toponimo.

Il territorio originario coincide sostanzialmente con quello attuale. Non abbiamo notizie di antiche chiese o insediamenti sparsi. Alla fine del XVIII sec. comprende sette ville: Viapiana (strada verso Arielli), Selva (loc. om.), Villa Cautalo (?), Villa Baccile (loc. om.), Villa sei Sette Dolori o Casino (od. Casino Vezzani), Villa S. Eusanio (?) e Colli (loc. om.). Nel XIX sec. ne sono segnalate altre come Villa Tucci, Villa Marcone, San Polo, Villa Consalvi, Villa Mascitti, Villa Selciaroli, Villa Formicone, che esistono ancor oggi.

Civile
  • -XI sec.: Loc. in Ortona (-VII sec.), Chieti Maggiore (VII-XII sec.).
  • XI sec.-1807: Castello, Università di Crecchio.
  • 1807-1811: Aggr. al Governo di Ortona.
  • 1811-oggi: Comune di Crecchio.
  • Provincia: Chieti (-oggi).
  • Distretto/Circondario: Chieti (1807-1811), Lanciano (1811-1927).
  • Circondario/Mandamento: Ortona (1811-1927).
  • Feudo: Vescovo di Chieti (-XIII sec.), Morello, Regio, Orsini (-1406), Univ. di Lanciano (1406-1633), Bonanni (1633-1634), Brancaccio (1634-1702), d'Ambrosio (1705-), Frascone (1709-1721), Figuerola (1721-), d'Ambrosio (1734-1785) de Riseis (1785-1806).

Ecclesiastico
  • Diocesi: Chieti (-1515), Lanciano (1515-1570), Ortona (1570-1818), Lanciano (1818-oggi).
  • Parrocchia: SS. Salvatore (XVI sec.-oggi).