Get a site

Geo-storia amministrativa d'Abruzzo
Valle Orta (Caramanico Terme, S. Eufemia a Maiella)

Caramanico1 (219K) Caramanico2 (152K) Caramanico3 (157K)

CARAMANICO (TERME)

Terra pre-napoleonica e comune contemporaneo, corrispondente all'attuale centro con questo nome. Attestato nell'IX sec. come corte ed incastellato precocemente, forse alla fine dello stesso secolo, dagli abati di Causauria. La pieve di S. Maria è attestata nel 1059 e nel suo territorio originario compaiono la chiesa di S. Croce (c.da om.). All'epoca dell'Onciario (1753) possiede le ville di S. Croce, S. Vittorino (emerse nel XVIII sec.) e S. Tommaso, nonché la villa parrocchiale di S. Eufemia con Ricciardi e S. Giacomo. Nello spirituale, possiede diverse arcipreture almeno dal XIV sec. e fino ad epoca recente, forse eredi dei castelli diruti e man mano incorporati. Toponimo.

Civile:
  • 870 ca.-1807: Castello, Università di Caramanico.
  • 1807-1811: Governo di Caramanico.
  • 1811-oggi: Comune di Caramanico (1811-1960), Caramanico Terme (1960-oggi).
  • Provincia: Chieti (-1927), Pescara (1927-oggi).
  • Distretto/Circondario: Lanciano (1807-1811), Chieti (1811-1927).
  • Circondario/Mandamento: Caramanico (1811-1927).
  • Feudo: d'Aquino (-1493), Regio (1493-1505), Colonna (1505-1552), Gonzaga (1552-1637), Carafa (1637-1640), d'Aquino (1640-1806), col titolo di Principato (1641-1806).

Ecclesiastico:
  • Diocesi: Chieti (-oggi).
  • Parrocchia: S. Maria Maggiore (-oggi), divisa con S. Leonardo (-17xx); S. Nicola (-1986), SS. Nicola e Maurizio (1986-oggi); S. Maurizio (-1986);
  • Filiali: S. Tommaso B. in C.da S. Tommaso (1946-oggi).

Paterno

Castello medievale sviluppatosi attorno al monastero di S. Tommaso nell'attuale centro con questo nome, ma sito su un'altura a q. 642, a nord del torrente Rio. Attestato come corte nell'IX sec. ed incastellato nell'a. 1000 dagli abati di Casauria. Il suo territorio doveva comprendere anche la corte tardo-antica di Scagnano, con la sua chiesa di S. Elia (stando alle decime angioine). Tassato separatamente fino all'epoca angioina. Ridotto a casale, Paterno è poi donato a Caramanico nel 1438 da re Alfonso. Toponimo.

Civile:
  • 1000-1438: Castello, Università di Paterno.
  • 1438-oggi: S. Tommaso, villa di Caramanico (Terme).
  • Provincia: Chieti (-1927), Pescara (1927-oggi).
  • Feudo: Trogisio, Acquaviva (1346-1438).

Ecclesiastico:
  • Diocesi: Chieti.
  • Parrocchia: S. Giovanni ?

Luco

Castello medievale ubicato a q. 424 in loc. Luco, non lontano dallo storico P.te Luco sull'Orta. Fondato secondo la cronica casauriense nell'anno 1000. Numerato nel 1443-7 e nel 1468. Nel 1457 è venduto da Berardo D'Aquino all'Univ. di Caramanico, il che giustifica la perdita del corpo feudale allorquando il castello si spopola. Non è chiara l'estensione del suo territorio, che sembrerebbe abnormemente piccolo rispetto alla vicina Paterno (se questa comprendeva S. Tommaso e Scagnano): è anche possibile che l'abbazia stessa fosse a metà dei due castelli e facesse da confine. Toponimo.

Civile:
  • 1000-XV sec.: Castello, Università di Luco, o Luco S. Giovanni.
  • XV sec.-oggi: Loc. di Caramanico (Terme).
  • Provincia: Chieti (-1927), Pescara (1927-oggi).
  • Feudo: Trogisio, d'Aquino (-1457), Univ. di Caramanico (1457-).

Ecclesiastico:
  • Diocesi: Chieti.
  • Parrocchia: S. Tommaso ? S. Giovanni ?

Picerico - S. Giorgio

Castello medievale di ubicazione non certa, descritto nel XV sec. in loc. Picerio di Caramanico. Poiché era anche chiamato S. Giorgio, ne propongo l'ubicazione in loc. C.le S. Jorio, nei pressi dei confini tra Caramanico e Abbateggio. Inoltre, Picerico incorpora già in epoca angioina la villa di S. Eusanio "Vallis Caramanice" con l'omonima abbazia, che è associata talvolta (ad es. in un documento del 1269) piuttosto ad Abbateggio. Nelle decime trecentesche e nel coevo inventario delle chiese teatine, le sole chiese di Picerico sono quelle di S. Paolo e di S. Maria, dipendenza di S. Tommaso di Paterno, mentre compare distintamente l'abbazia di S. Eusanio. Ridotti a casale, Picerico e S. Eusanio sono donati a Caramanico nel 1438 da re Alfonso. Toponimo.

Civile:
  • 981-1438: Castello, Università di Picerico o S. Giorgio.
  • 1438-oggi: Loc. di Caramanico (Terme).
  • Provincia: Chieti (-1927), Pescara (1927-oggi).
  • Feudo: Trogisio, Acquaviva (1346-1438).
  • Vescovile: Chieti.
  • Parrocchia: S. Eusanio ? S. Paolo ?

S. Angelo (di Caramanico)

Castello medievale citato nel Catalogus Baronum e nelle Porte di bronzo di S. Clemente (a. 1191), poi assorbito da Caramanico. Identificato tradizionalmente con S. Croce o con il F.so S. Angelo di Roccamorice, ma forse da ubicare invece in loc. S. Angelo di Decontra, situata verso il fondovalle Orfento, dove è una chiesa rupestre trasformata in eremo nel XIII sec. Non è chiaro quando il castello sia stato fondato. Toponimo.

Civile:
  • XI sec.-XII sec.: Castello, Università di S. Angelo.
  • XII sec.-oggi: Loc. di Caramanico (Terme).

Ecclesiastico:
  • Diocesi: Chieti.
  • Parrocchia: S. Angelo.

S. EUFEMIA (A MAIELLA)

Comune contemporaneo, corrispondente al centro con questo nome. La chiesa è attestata già nel XII fra le dipendenze di Casauria. Emerge nel XVII sec. come villa parrocchiale di Caramanico, aggregando anche Ricciardi e S. Giacomo. Toponimo.

Civile:
  • -1811: Villa di Caramanico.
  • 1811-1842: Riun. di Caramanico.
  • 1843-oggi: Comune di S. Eufemia (1843-1863), S. Eufemia a Maiella (1863-oggi).
  • Provincia: Chieti (-1927), Pescara (1927-oggi).
  • Distretto/Circondario: Chieti (1843-1927).
  • Circondario/Mandamento: Caramanico (1843-1927).

Ecclesiastico:
  • Diocesi: Chieti (-oggi).
  • Parrocchia: S. Maria di Caramanico (-XVII sec.), S. Bartolomeo, (XVII sec.-1978), S. Bartolomeo e S. Maria d. Gr. (1978-1986), S. Bartolomeo (1986-oggi).

Roccacaramanico

Terra pre-napoleonica e comune contemporaneo, corrispondente all'attuale centro con questo nome, ormai disabitato. Talvolta descritto nel contado valvense piuttosto che in quello teatino (probabilmente il suo territorio fece parte del municipium di Sulmo). Anteriormente alla menzione come feudo distinto nel Catalogus Baronum (XII sec.) è attestata come villa di Caramanico: ad esempio, il monastero di S. Nicola di Cardia è descritto nelle pertinenze di Caramanico ancora nell'a. 1121, ma già in quelle di Roccacaramanico nel 1301. Sempre numerata, redige anche l'Onciario nel 1753, ma nello spirituale continua ad essere considerata una villa separata di Caramanico. Toponimo.

Civile:
  • -XII sec.: Villa di Caramanico.
  • XII sec.-1807: Castello, Università di Roccacaramanico, o Rocchetta Caramanico.
  • 1807-1811: Aggr. al Governo di Caramanico.
  • 1811-1929: Comune di Roccacaramanico.
  • 1929-oggi: Fraz. di S. Eufemia a Maiella.
  • Provincia: Chieti (-1927), Pescara (1927-oggi).
  • Distretto/Circondario: Lanciano (1807-1811), Chieti (1811-1927).
  • Circondario/Mandamento: Caramanico (1811-1927).
  • Feudo: Cantelmo, d'Aquino (-1493), Regio (1493-1505), Colonna (1505-1552), Gonzaga (1552-1637), Carafa (1637-1640), d'Aquino (1640-1806).

Ecclesiastico:
  • Diocesi: Chieti (-oggi).
  • Parrocchia: S. Maria delle Grazie (?-1978), S. Bartolomeo di S. Eufemia a Maiella (1978-oggi).